Ultimo aggiornamento: 21/04/2020

Come scegliamo

17Prodotto analizzati

16Ore impiegate

3Studi valutati

57Commenti raccolti

I bambini amano moltissimo imitare ciò che fanno i grandi: per questo, una cucina giocattolo è spesso tra i regali più richiesti e apprezzati. Più sono ricche di accessori, più i piccoli si divertono ad emulare mamma e papà quando si muovono tra i fornelli preparando i pasti per tutta la famiglia.

Le dimensioni delle cucine giocattolo, naturalmente, sono proporzionali a quelle dei bambini e permettono di volare con la fantasia mentre i piccoli si atteggiano a cuochi di casa. Se stai pensando di acquistare uno di questi giocattoli, qui di seguito troverai una serie di consigli e una selezione dei migliori prodotti, così da scegliere senza rischiare di sbagliare.

Le cose più importanti in breve

  • Le cucine giocattolo sono uno dei migliori esempi del cosiddetto gioco simbolico. Ciò permette al bambino di mettersi nei panni di un adulto, svolgendo attività quotidiane. La vita reale e quella immaginaria, in tal modo, si combinano tra loro.
  • Questi giocattoli sono ideali per i bambini a partire dai 3 anni. Dato che sono disponibili in un’infinità di dimensioni e design, esistono anche modelli indicati per i più grandicelli, fino ai 10 anni.
  • Al momento di scegliere il modello più adatto, tieni in considerazione aspetti come il materiale con cui è realizzato, gli accessori inclusi o la sicurezza.

Le migliori cucine giocattolo sul mercato: la nostra selezione

Ad una certa età, i giochi basati sull’imitazione sono i più diffusi tra i bambini. Tali giochi permettono loro di capire meglio l’ambiente che li circonda. Senza dubbio, la cucina giocattolo è uno dei migliori esempi, sotto questo aspetto. Dai un’occhiata ad alcuni tra i modelli più interessanti attualmente disponibili sul mercato, magari trovi il modello più adatto per i tuoi figli.

La più completa

Questa coloratissima cucina, consigliata a partire dai 3 anni, è davvero ricca di accessori, ben 30, tra cui troviamo pentole, padelle, piatti, tazze, posate, alimenti e altro. Realizzata in robusta plastica, è facile da montare e le sue dimensioni sono di 52 x 72 x 26 cm. È dotata di forno, lavastoviglie, e di fornelli che si illuminano ed emettono suoni (alimentazione tramite 3 pile AA non incluse).

La preferita dai fan di Masha e Orso

Masha e Orso sono tra i personaggi più amati dai bambini e questa cucina renderà felicissimi i loro piccoli fan. Con dimensioni pari a 66,5 x 49 x 28,5 cm, è realizzata in plastica e comprende un fornello, un lavandino, un forno e 14 accessori (tra cui un pentolino, un piatto, un bicchiere, posate, sale e pepe e una crostata). Indicata dai 3 anni in su.

La miglior cucina vintage

Leomark presenta una grande cucina (92 x 29,5 x 102 cm) dall’aspetto rétro realizzata in legno di alta qualità e con accurata attenzione ai dettagli. Stabile e robusta, comprende frigorifero, forno, due fornelli con regolatori di fiamma, lavello con rubinetto, diversi scomparti e addirittura un telefono! Gli accessori non sono numerosi, soltanto qualche pentola, un bicchiere e alcune posate in legno. Consigliata dai 3 anni in su.

La miglior cucina in legno

Consigliata a partire dai 6 anni, è una cucina realizzata interamente in legno massiccio, con viti e cerniere degli sportelli in metallo. Solidissima e robusta, presenta dimensioni pari a 33 x 61 x 100 cm. Il montaggio è semplice, grazie alle istruzioni dettagliate, ma richiede un po’ di tempo. La cucina è dotata di forno, microonde, 4 fornelli e lavello con rubinetto, ma non include accessori.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle cucine giocattolo

A volte risulta difficile riuscire a tenere occupati i bambini per più di 10 minuti mentre ti occupi di qualche faccenda o lavoro domestico, vero? Ma hai mai provato a ricorrere ad una cucina giocattolo? Questi articoli li conquistano, quasi come un dono caduto dal cielo. Qui di seguito, troverai le risposte ad alcune delle domande più frequenti su questi giocattoli.

Bambina davanti a una cucina giocattolo

A seconda del modello, la cucina giocattolo può essere più o meno grande e/o attrezzata.
(Fonte: Olesia: 48856673/ 123rf.com)

Quali benefici offrono ai bambini le cucine giocattolo?

Per un certo periodo, le cucine giocattolo sono state considerate prodotti rivolti esclusivamente alle femminucce, ma dati i valori che promuovono, in realtà sono adatte anche ai maschietti. Prima di tutto, sono giocattoli educativi perché, in qualche modo, avvicinano i bambini ad un argomento importante come l’alimentazione, instillando in loro abitudini salutari.

Con le cucine giocattolo, imparano ad essere autosufficienti e a conoscere l’ambiente che li circonda. Sarà uno spazio della casa, quindi, che risulterà loro sempre più familiare.

Inoltre, permettono di incentivare l’immaginazione dei più piccoli mentre acquisiscono valori come quello dell’organizzazione, della risoluzione di problemi o del lavoro di gruppo. Le cucine giocattolo li aiutano anche a sviluppare le abilità motorie.

Quali sono le parti fondamentali di una cucina giocattolo?

Sul mercato è possibile trovare modelli sempre più realistici. E i più piccoli adoreranno sentirsi gli chef di casa! La cosa sorprendente è che questi giocattoli includono alcuni elementi importanti, come quelli delle cucine vere. Così, il gioco simbolico sarà più soddisfacente e l’esperienza molto più autentica.

Le cucine giocattolo più complete, quindi, dispongono prima di tutto di un’area con i fornelli, dove i bambini potranno dare libero sfogo alla loro immaginazione. Solitamente, includono anche un lavello con rubinetto, un frigorifero, un forno o un microonde. Non possiamo poi dimenticare i vari scaffali e cassetti dove riporre tutti gli utensili della cucina.

Bambina aprendo sportello di una cucina giocattolo

Se stai pensando di acquistare una cucina giocattolo, ci sono diversi aspetti che è bene tenere in considerazione.
(Fonte: Natala: 71332094/ 123rf.com)

Qual è il posto migliore dove collocare una cucina giocattolo?

L’ubicazione della cucina giocattolo può variare da abitazione ad abitazione e, soprattutto, dipenderà dallo spazio di cui disponi. Ci sono genitori che preferiscono collocarla nella cameretta del bambino, insieme agli altri giocattoli. In tal modo, il piccolo li avrà sempre tutti a portata di mano. Un altro luogo abituale è il salotto, così da poterlo controllare mentre gioca.

Infine, ci sono genitori che preferiscono posizionare la cucina giocattolo proprio in cucina. Il motivo? In tal modo, offrirà una prospettiva più vicina alla realtà. Inoltre, la cucina è uno dei posti della casa dove trascorriamo più tempo, quindi il bambino avrà sempre compagnia e potrà anche osservare i grandi al lavoro, così da imitarli meglio.

Le cucine giocattolo sono facili da montare?

A seconda del modello, la cucina potrà essere più o meno grande e/o attrezzata. Di conseguenza, nella maggior parte dei casi, questi prodotti sono venduti smontati. Ma non preoccuparti, perché in genere il montaggio è semplice, soprattutto tenendo conto del fatto che sono dotati di istruzioni passo passo.

Nel caso delle cucine di legno, per assemblare i pezzi servono di solito viti e altri elementi di fissaggio. Esistono comunque altri modelli più semplici realizzati in plastica che richiedono semplicemente di incastrare i pezzi, senza bisogno di viti. Informati circa la difficoltà di montaggio esaminando le caratteristiche del prodotto.

Cucina giocattolo in plastica

Un’altra possibilità è rappresentata dalle cucine di plastica, le più comuni.
(Fonte: Reana: 27455435/ 123rf.com)

Perché le cucine giocattolo sono così affascinanti per i bambini?

Non c’è dubbio che le cucine giocattolo attirino gli sguardi e la curiosità di tutti i bambini. Le ragioni di tanto successo sono diverse e, qui di seguito, proveremo a capire perché risultano tanto interessanti e desiderate.

  • Per i loro colori vistosi. È evidente che dipenderà dal design e dai materiali con cui sono realizzate ma, in generale, le cucine giocattolo presentano colori accesi e luminosi che fanno sì che non passino inosservate da parte dei più piccoli.
  • Includono diversi scomparti. I bambini adorano aprire e chiudere cassetti, riporre oggetti o spostarli. Il fatto che queste cucine includano così tanti angolini (alcuni dei quali segreti) costituisce un’attrattiva in più.
  • Dispongono di vari scenari. In una cucina giocattolo, i bambini hanno a disposizione diversi scenari e, quindi, diverse possibilità di gioco. Possono cucinare sui fornelli o lavare i piatti nel lavello, mettere gli alimenti nel frigorifero o riporre le pentole sui ripiani.
  • Permettono di giocare in compagnia. Questi articoli permettono ai bambini di giocare da soli o in compagnia. Giocando in gruppo, il divertimento aumenterà. Possono giocare con i loro migliori amici, con i genitori o con qualsiasi altro familiare.
  • Sono adatte alle dimensioni dei bambini. Questi giocattoli presentano dimensioni adatte ai piccoli, che possono così vivere un’esperienza davvero realistica.
  • Fanno sentire i bambini grandi e indipendenti. Svolgendo le stesse azioni dei loro genitori, i bimbi si sentiranno grandi. Inoltre, l’indipendenza offerta da questi giocattoli incoraggerà la loro autostima.

Criteri di acquisto

Se stai pensando di acquistare una cucina giocattolo, ci sono alcuni aspetti da tenere in considerazione. Sul mercato esistono modelli più completi e innovativi e altri più semplici. Prima di tutto, devi stabilire che cosa stai cercando esattamente. Questi sono i principali criteri di acquisto per una scelta perfetta.

  • Design
  • Materiali
  • Età di utilizzo
  • Accessori
  • Sicurezza

Design

Il design, naturalmente, è il primo dettaglio da valutare al momento di scegliere una cucina giocattolo. Prima di tutto, osserva i colori: a questo riguardo, tieni in considerazione i gusti del bambino, se preferisce cioè le tonalità pastello, i colori sgargianti o il rosa, per esempio. Esistono modelli dall’estetica vintage e altri ispirati ai personaggi preferiti dei più piccoli.

Concentrati poi sulla tematica della cucina: se è simile a quella di una casa, per esempio, oppure a quella di un ristorante o di un fast food. Devi anche riflettere sulle dimensioni: è essenziale decidere dove la collocherai e misurare lo spazio disponibile. Se non ne hai molto, puoi sempre sceglierne una pieghevole.

Materiali

Su questo punto, le opinioni sono discordanti. C’è chi preferisce le cucine in legno, perché ritiene che siano di qualità migliore e che svolgano anche funzione decorativa. Questo è sicuramente importante, soprattutto se conti di collocare la cucina in bella vista, per esempio proprio in cucina oppure in salotto. I prodotti in legno sono più durevoli e resistenti, anche se il loro prezzo potrebbe essere più alto.

Un’altra possibilità sono le cucine di plastica, le più comuni. Tra i loro vantaggi, sottolineiamo la resistenza e la facilità di montaggio. Infine, accenniamo alle cucine realizzate in cartone, che offrono il vantaggio di essere leggere e facilmente trasportabili. Non sono però resistenti quanto le precedenti.

Età di utilizzo

Sulle confezioni delle cucine giocattolo è generalmente indicata in maniera ben visibile l’età consigliata dal produttore. Si tratta solitamente di articoli indicati per bambini a partire dai 3 anni, poiché i più piccoli non potrebbero sfruttarne appieno le potenzialità. Ad ogni modo, in base all’età consigliata, le dimensioni della cucina varieranno.

I modelli rivolti ai bambini dai 3 anni in su presentano solitamente un’altezza di circa 60 cm, assolutamente adatta ai loro destinatari. In realtà, si tratta di giocattoli che coprono una vasta gamma di età. Ci sono anche modelli di maggiori dimensioni indicati per i bambini da 7 a 10 anni. E piacciono anche ai più grandi!

Accessori

Un altro aspetto da tenere in considerazione è la presenza o meno di accessori. Non dimenticare che questi sono parte essenziale del divertimento e, se non sono inclusi, probabilmente dovrai acquistarli separatamente. La varietà dei complementi di una cucina giocattolo è grande quanto quella degli utensili di una cucina vera. Ovviamente, più accessori ci saranno, maggiore sarà il divertimento!

Alcuni tra gli accessori più comuni sono piatti, posate, padelle e pentole, alimenti e ogni tipo di utensile da cucina.

Possiamo anche trovare saliere, salse, taglieri, strofinacci e set da caffè. Con tutti questi accessori, il gioco sarà realistico al 100%. Infine, esistono modelli che includono suoni, luci e altri effetti.

Sicurezza

Se, oltre ad essere divertente, il giocattolo è anche sicuro, allora è di certo la scelta più azzeccata. Per quanto riguarda la sicurezza delle cucine, prima di tutto devi assicurarti che i materiali non siano tossici e siano adatti all’uso da parte dei bambini. È essenziale che non presentino bordi affilati o elementi che possano comportare rischi per la salute e il benessere dei piccoli.

Sai bene che i bambini tendono a mettersi tutto in bocca, quindi è fondamentale che gli accessori non siano troppo piccoli, altrimenti potrebbero soffocarli. In ogni caso, l’ideale è controllarli sempre, mentre giocano. Infine, accertati che la cucina sia sufficientemente stabile, in modo che non rischi di ribaltarsi durante il gioco.

Conclusioni

Non possiamo assicurarti che tuo figlio diventerà un giorno un grande chef, ma ti garantiamo che, con una cucina giocattolo, si divertirà moltissimo! Potrà ideare nuove ricette e sperimentare, scatenando l’immaginazione. Le ore passeranno velocissime e tu potrai stare tranquillo, sapendolo felice e divertito.

Chi non ha mai giocato con una di queste cucine, durante l’infanzia? Perché, alla fine, sono giocattoli che non passano mai di moda. Se ci pensi, sono prodotti semplici, ma allo stesso tempo trasmettono valori positivi, quindi si meritano un bel 10! Dall’espressione di felicità di tuo figlio, capirai di aver fatto la scelta perfetta.

Ti è piaciuta la nostra guida all’acquisto? Se sì, ti invitiamo a condividerla sui tuoi social network o, se preferisci, a lasciarci un commento qui sotto.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Olesia: 47972340/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Erika Cecchetto Scrittrice e traduttrice
Lavoro prevalentemente come traduttrice, professione iniziata quasi per caso ma che si è poi rivelata la mia grande passione. Amo leggere e scrivere e, quando si presenta l’occasione, mi dedico alla scrittura di articoli e testi di vario genere, avendo cura di renderli sempre scorrevoli e di gradevole lettura.