Ultimo aggiornamento: 03/08/2021

Come scegliamo

14Prodotto analizzati

18Ore impiegate

7Studi valutati

71Commenti raccolti

Indubbiamente i pannolini sono gli articoli più semplici ma più necessari per la cura dei bambini. Sono presenti nelle case con bambini dal momento in cui nascono e continuiamo ad usarli regolarmente fino a quando i nostri figli hanno circa tre anni. Tuttavia, ci sono sicuramente molte cose su di loro che ancora non conosci.

I bambini crescono così in fretta che a volte non è facile sapere che taglia hanno, quali altri usi possiamo dare al pannolino e molti altri aspetti a cui non ci fermiamo a pensare, dato che è un prodotto quotidiano che tutti conosciamo. Ecco perché abbiamo messo insieme questa guida per uno sguardo approfondito sui pannolini.




Le cose più importanti da sapere

  • I pannolini ci accompagnano durante i primi anni di vita dei nostri figli e diventano un oggetto di base che dovremmo portare sempre con noi. Sapevi che un bambino spende circa otto pannolini al giorno?
  • Conoscere a fondo i prodotti che il nostro “piccolo” utilizza è essenziale per prendersi cura della sua salute, assicurare il suo benessere e garantire il suo corretto utilizzo. Non dobbiamo dimenticare nemmeno il più piccolo dettaglio, anche se sono oggetti semplici come i pannolini.
  • Quando si scelgono i pannolini ideali, è importante prendere in considerazione fattori come la dimensione, il materiale e l’assorbenza. In questo modo l’acquisto sarà sempre quello giusto.

Pannolini: la nostra selezione

Probabilmente avrai già notato che la sezione pannolini di qualsiasi negozio è piena di diversi tipi e modelli. Siccome sappiamo che non è facile scegliere, specialmente quando si tratta di prodotti per il nostro bambino, abbiamo fatto qualche ricerca e abbiamo selezionato per te i tre migliori pannolini sul mercato oggi.

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sui pannolini

Specialmente se sei nuovo ad avere un membro extra della famiglia, il frenetico uso quotidiano dei pannolini può essere estenuante. In questo momento, sorgono spesso molte domande. Per aiutarti a rendere questa nuova avventura più facile, rispondiamo alle domande più frequenti poste dai genitori.

Il vantaggio dei pannolini di stoffa è che possono essere lavati per essere riutilizzati. (Fonte: Famveldman: 61267641/ 123rf.com)

Quali tipi di pannolini esistono?

Sembra che tutti sappiamo cos’è un pannolino: quell’indumento assorbente che mantiene i nostri bambini asciutti e puliti quando non sono abituati al vasino. Ma siamo davvero consapevoli di quanti tipi diversi ci sono? Per differenziarli dobbiamo guardare due fattori: il materiale e l’uso. Diamo prima un’occhiata al materiale

  • Pannolini usa e getta: sono pannolini monouso. Normalmente, la parte esterna è fatta di polietilene e il rivestimento interno è fatto di polipropilene. Entrambi i materiali sono sicuri per il bambino e non permettono la fuoriuscita di liquidi dal pannolino.
  • Pannolini di stoffa: come suggerisce il nome, sono fatti di stoffa, il che permette di lavarli e riutilizzarli ripetutamente.

Naturalmente, troveremo modelli molto diversi all’interno di ogni tipo, in modo da poterli adattare alle nostre esigenze. D’altra parte, possiamo differenziare i pannolini in base all’uso o allo stadio di crescita del bambino. In ordine cronologico, questi sono i diversi tipi di pannolini che il nostro bambino utilizzerà

  • Pannolini per bambini: i classici e i primi da comprare. Sono progettati appositamente per prendersi cura della pelle dei bambini durante i primi anni in modo che non si irritino troppo a causa del bagnato.
  • Pannolini per bambini grandi: questi vengono utilizzati quando il nostro bambino sta iniziando ad utilizzare il vasino. Di solito hanno la forma di slip o pantaloni. In questo modo il bambino è protetto ma sente che sta diventando grande.
  • Pannolini per dormire: molto utili quando il tuo bambino è già addestrato al vasino, ma non è ancora molto addestrato al vasino di notte.
  • Pannolini da bagno: ideali ora che l’estate è qui e i “piccoli” sono a mollo tutto il giorno. Questo tipo di pannolino non si gonfia a contatto con l’acqua, quindi può essere utilizzato in piscina o in spiaggia.

Vedi che non stavamo mentendo quando abbiamo detto che la lista è infinita. È importante scegliere sempre il pannolino giusto per il nostro bambino, poiché questo è l’unico modo per garantire il corretto funzionamento del pannolino e il massimo comfort per il bambino. Non facciamoci sopraffare, con la pratica tutto diventa più facile.

Lucía Galán BertrandPediatra
“La cosa più importante in tutto questo processo è avere pazienza, celebrare ogni piccolo progresso e non sgridarli, punirli o farli vergognare per i piccoli incidenti che senza dubbio avranno”.

Come si stabiliscono le taglie dei pannolini?

Usare i pannolini della misura giusta è essenziale per evitare di doverli cambiare più spesso e per evitare di sporcare anche i vestiti del tuo bambino. Anche se la maggior parte delle marche hanno la stessa classificazione delle dimensioni, è una buona idea controllare prima di comprare un pacchetto. Vedi la tabella qui sotto:

Dimensione Peso (chilogrammi)
Dimensione/Fase 1 2-5 kg
Dimensione/Fase 2 3-6 kg
Dimensione/Fase 3 4-10 kg
Dimensione/Fase 4 9-15 kg
Dimensione/Fase 5 13-18 kg
Dimensione/Fase 6 17-28 kg

Queste indicazioni sono generali. Nessuno conosce il nostro bambino meglio di noi. Perciò, nonostante quello che dicono le raccomandazioni di peso e taglia, non dovremmo avere paura di cambiare fase se vediamo che i pannolini non stanno facendo il loro lavoro correttamente. In questi casi, possiamo parlare con il venditore per una guida.

Quanti pannolini vengono usati ogni giorno?

Questa è la domanda da un milione di dollari. Molti genitori fanno questa domanda per cercare di calcolare il numero di confezioni di cui avranno bisogno. Sapevi che un bambino può usare fino a 2000 pannolini nel primo anno? Fortunatamente, dopo di che la cifra diventa sempre più piccola. Vediamo:

Dimensione Pannolini al giorno
0 8
1 6.5
2 5.5
3 5
4 4.5
5 4
6 4

Come possiamo vedere dalla tabella, abbiamo bisogno solo di quattro pannolini al giorno nell’ultima fase. Tenere a mente queste cifre è essenziale per una buona organizzazione, specialmente quando saremo lontani da casa e dovremo rifornire la borsa dei pannolini con tutto il necessario.

Quali passi devo fare per cambiare correttamente i pannolini del mio bambino?

Probabilmente tutti abbiamo un’immagine nella nostra testa di qualcuno che cambia un pannolino. E dall’esterno non sembra così complicato, vero? Ma una volta che ci arrivi, e il bambino non smette di muoversi o di piangere, diventa sempre più difficile. Per rendere questo compito più sopportabile, l’ideale è entrare in una routine che ripeti più e più volte. Prendi nota!

  • Prima di iniziare, assicurati di avere le mani pulite e che tutto ciò di cui hai bisogno sia a portata di mano.
  • Metti il tuo bambino in posizione supina (sdraiato sulla schiena) e parlagli per farlo divertire mentre gli togli i vestiti e sbottoni il pannolino sporco. Un trucco per evitare i grovigli è quello di attaccare gli adesivi su se stessi.
  • Osserva le feci, anche se non è molto piacevole, perché ti daranno informazioni sulla salute del tuo bambino.
  • Una volta che il pannolino sporco è stato rimosso, pulisci i genitali del bambino con una salvietta umida. Per le ragazze questo dovrebbe essere fatto da davanti a dietro e per i ragazzi nella direzione opposta.
  • Applica una speciale crema per pannolini. Questo manterrà la pelle del tuo bambino idratata e preverrà lo sfregamento.
  • Metti il pannolino pulito. Stringilo abbastanza in modo che le feci non escano, ma non troppo stretto in modo che il bambino non sia a disagio.
  • Ri-vestire il bambino. Arrotola il pannolino sporco su se stesso, chiudilo con i suoi stessi adesivi e smaltiscilo.
  • Lavati le mani un’altra volta, per precauzione.

Seguire questi semplici passi ogni volta che andiamo a cambiare il pannolino al nostro bambino ci aiuterà a creare una routine in cui ci sentiamo sicuri. In questo modo, anche se il bambino piange o si innervosisce, saremo abbastanza tranquilli da rassicurarlo e andare avanti con il compito.

Come funzionano i pannolini di stoffa?

Questi tipi di pannolini sono ben conosciuti e utilizzati in altri paesi, ma è vero che in Spagna non se ne parla quasi mai. Questo è un peccato, perché sono molto utili e, a lungo andare, ci aiutano a risparmiare molti soldi. Inoltre, sono rispettosi dell’ambiente, qualcosa di molto importante a cui pensare al giorno d’oggi.

Nonostante gli enormi benefici che i pannolini di stoffa possono portare, la maggior parte delle persone non sa davvero come funzionano. Beh, sono composti da una copertura (mutandine impermeabili che coprono il pannolino), una fodera (tra il pannolino e la pelle, opzionale) e un assorbente (parte interna).

I pannolini da bagno sono perfetti quando porti il tuo bambino in piscina o in spiaggia perché non si gonfiano quando vengono a contatto con l’acqua. (Fonte: Oksana Kuzmina: 49007604/ 123rf.com)

Queste tre parti possono essere in un unico pezzo (con l’assorbente cucito dentro), in due pezzi (con la copertura separata dal resto del pannolino) o con una tasca per l’assorbente, che verrà cambiata a seconda dell’uso. Questo tipo di pannolino può essere lavato in lavatrice e può essere riutilizzato tutte le volte che vuoi.

Come faccio a sapere quando cambiare i pannolini al mio bambino?

Anche se il segno più distintivo che il nostro bambino ha bisogno di un cambio di pannolino è l’odore che ne esce, è importante tenere a mente altre informazioni che ci aiuteranno a decidere quando farlo. Ecco alcune delle indicazioni che gli specialisti danno di solito

  • I neonati possono urinare fino a venti volte al giorno. I bambini sotto l’anno possono urinare fino a sette volte al giorno. Questo rende praticamente impossibile cambiare il loro pannolino dopo ogni movimento intestinale.
  • Si consiglia di cambiare il bambino dopo ogni poppata, dato che spesso urinano durante la suzione.
  • Tuttavia, per i bambini che sputano, è meglio farlo prima della poppata, in modo che non si sdraiano.
  • È importante tenere d’occhio il pannolino durante il giorno in modo che non si accumuli troppa pipì, perché questo può causare irritazione e disagio.
  • Idealmente, cambia sempre il pannolino prima di uscire di casa e porta con te abbastanza pannolini per il tempo in cui sarai via (circa uno ogni ora).
  • Prima di andare a dormire e subito dopo il risveglio è obbligatorio.

Come sempre, questi sono consigli generali che tendono a funzionare nella maggior parte dei casi, ma dovremmo sempre osservare il nostro bambino e adattarci ai suoi bisogni. In questo senso, se il bambino rimane asciutto per troppo tempo, dovremmo andare immediatamente dal pediatra, poiché questo può essere un sintomo di disidratazione.

Cosa succede se ci mettiamo troppo tempo a cambiare i pannolini?

Non c’è bisogno di giurare su quanto sia sensibile la pelle dei bambini o che il fatto che il pannolino sia bagnato o sporco per più tempo di quanto dovrebbe essere possa essere dannoso. La condizione più comune in questo tipo di casi è causata dal batterio bacillus mamoniagenes, che si trova nell’urina e si trasforma in ammoniaca quando entra in contatto con gli enzimi fecali.

Questo batterio causa un’alterazione del pH, causando un’irritazione conosciuta come eruzione da pannolino o “nappy rash”. Inoltre, se il pannolino contiene anche feci, è essenziale cambiarlo immediatamente, poiché possono verificarsi infezioni più gravi. Un trucco per lenire la pelle del tuo bambino è quello di usare una crema protettiva ogni volta che cambi il pannolino.

Sapevi che i pannolini sono stati inventati in Svezia nel 1940? A quel tempo si usava un panno di cotone spesso, ma a causa della seconda guerra mondiale scarseggiò e si dovette usare il foglio di cellulosa.

Quando dovremmo dire addio ai pannolini?

Nella maggior parte dei casi, i pannolini vengono solitamente rimossi quando il bambino raggiunge i due anni. Tuttavia, tutto dipende dal livello di sviluppo del sistema psicomotorio. Pertanto, non dovremmo avere fretta o fare pressione sul bambino in questa materia, poiché questo può portare a traumi successivi. L’importante è che il bambino si senta sicuro e preparato.

Per iniziare il processo di dire addio ai pannolini, è essenziale insegnare al nostro bambino le parti del suo corpo e cosa fa ognuna di esse. In questo modo, sapranno cosa vuol dire “pipì” o “cacca” e impareranno ad ascoltare i segnali che il loro stesso corpo gli dà. Un altro fattore essenziale è l’azienda. Il bambino deve sentire che lo sosteniamo e lo aiutiamo.

Apoco a poco, e seguendo l’esempio degli adulti, i “piccoli” capiranno dove devono fare i loro bisogni e come comunicarlo in modo che mamma o papà possano accompagnarli. È normale che, probabilmente più di una volta, nostro figlio si faccia la pipì addosso. Questa è una buona cosa, perché li aiuterà a sperimentare la sensazione e li aiuterà ad associare le informazioni.

Prima di cambiare il pannolino al tuo bambino, ricordati di avere le mani pulite e tutto ciò che userai a portata di mano. (Fonte: Famveldman: 72028608/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Con così tanto da scegliere, è normale che a volte abbiamo dei dubbi. La cosa importante è che, quando compriamo qualcosa di così delicato come i pannolini del nostro bambino, dovremmo considerare alcuni aspetti. Di seguito, spieghiamo i principali criteri di acquisto che dovremmo prendere in considerazione.

Dimensioni e peso

Questo è, senza dubbio, il fattore più importante. Offrire al nostro bambino un pannolino della misura giusta per il suo peso è fondamentale, sia per ragioni di comodità che di salute. Un pannolino troppo grande non si adatta al corpo del bambino, il che aumenta il rischio che le feci escano dall’indumento.

D’altra parte, un pannolino troppo piccolo non avrà abbastanza assorbenza per mantenere la pelle del bambino asciutta in ogni momento e causerà sfregamenti e reazioni. Ricorda di prestare sempre attenzione alle istruzioni del produttore e, soprattutto, osserva il tuo bambino, perché sarà lui a darti gli indizi dei suoi bisogni.

Se stai uscendo di casa con il tuo bambino, la cosa ideale da fare è cambiargli il pannolino in anticipo. (Fonte: Massonforstock: 49466849/ 123rf.com)

Assorbimento

L’assorbenza di un pannolino è la prima condizione perché funzioni. Pertanto, questo è un altro criterio che dovrebbe essere preso in considerazione. Normalmente l’assorbenza varia a seconda che si tratti di pannolini da giorno o da notte. Questi ultimi sono progettati per durare più a lungo senza essere cambiati e, quindi, assorbono una maggiore quantità di liquido.

Tuttavia, come abbiamo visto sopra, anche se la maggior parte delle marche garantiscono l’assorbimento per otto ore, non è consigliabile lasciare lo stesso pannolino per così tanto tempo. In questo caso, l’importante è che la capacità di assorbimento del pannolino che scegliamo si adatti ai bisogni del bambino in ogni fase.

Materiale

I pannolini entrano in costante contatto con la pelle del bambino e, come già sappiamo, questa è estremamente delicata. Ecco perché il materiale utilizzato nella fabbricazione di questo tipo di articolo è così importante. Al giorno d’oggi ci sono pannolini chiamati ipoallergenici. Questo tipo di prodotto è progettato per prendersi cura della pelle dei più piccoli.

Oltre ad essere altamente assorbenti, la loro struttura rigida evita che il pannolino si deformi facilmente. Ma, allo stesso tempo, si adattano ai movimenti del bambino. In definitiva, quello che dobbiamo sempre assicurarci è che la loro composizione non includa nessun materiale che potrebbe essere tossico o dannoso per il nostro bambino.

Prezzo

Questo non è un criterio che normalmente prendiamo in considerazione quando compriamo articoli per il nostro bambino, poiché vogliamo il meglio per lui e non ci importa del prezzo. Tuttavia, quando si tratta di pannolini, è importante valutare questo fattore. Il prezzo dei pannolini può variare fino al doppio e, in molte occasioni, non dipende dalla loro qualità.

Possiamo trovare pannolini economici di ottima qualità e pannolini costosi che non sono così buoni. Pertanto, dobbiamo fare un bilancio qualità-prezzo e cercare di trovare il giusto equilibrio. È normale che dobbiamo provare diversi pannolini fino a quando non troviamo quello più adatto a noi. Pensiamo alla quantità di pannolini di cui avremo bisogno, ogni euro è importante.

Uso

Infine, è importante pensare a come useremo i pannolini. Prima abbiamo parlato dei diversi tipi di pannolini a seconda del momento (solo per dormire o che possono essere utilizzati in acqua, tra gli altri). Sulla base di queste informazioni, è meglio avere un tipo di pannolino diverso per ogni occasione.

Questi tipi di articoli, progettati specificamente per una diversa fase di sviluppo del bambino, faranno meglio il loro lavoro se sono usati correttamente. Non dovremmo preoccuparci di comprare diversi tipi di pannolini, un bambino usa in media 6000 pannolini durante la sua infanzia, ci sarà sicuramente un momento in cui ne avremo bisogno.

Sommario

Sembra incredibile che si possa parlare così tanto di un articolo così semplice e conosciuto come i pannolini. Tuttavia, è proprio il fatto che ci è così familiare che, quando si tratta di usarli, sorgono così tante domande. Un uso corretto dei pannolini garantirà sia il comfort che la salute dei nostri piccoli.

Oltre ai pannolini tradizionali, ci sono molti tipi e modelli diversi tra cui scegliere. In questo modo, ci assicuriamo di scegliere sempre quello che più ci soddisfa e si adatta alle nostre esigenze. È importante prendere in considerazione fattori come la dimensione, l’assorbenza, il materiale e il prezzo quando si prende questa decisione.

Se ti è piaciuta la nostra guida ai pannolini, condividila sui social network e lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine: Andrei Kuzmik: 66179925/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni