È da tempo ormai che nel mondo della beauty care si parla di shampoo senza solfati e se già non li sta usando, probabilmente hai pensato di provarci. Sembra infatti che gli shampoo che contengono solfati siano potenzialmente irritanti per il cuoio capelluto. Ma di cosa parliamo esattamente quando parliamo di solfati? A cosa servono? Sono davvero così dannosi?

Niente panico! I solfati sono in grado di sciogliere il grasso e per questo vengono usati per la pulizia di pelle e capelli, sono anche economici e fanno molta schiuma, motivo per cui sono presenti nella maggior parte dei prodotti per l’igiene personale. I solfati non sono nocivi di per sé, ma un uso costante e ripetuto può avere effetti irritanti sulla pelle e sul cuoio capelluto.

Le cose più importanti in breve

  • Gli shampoo senza solfati sono più delicati sui capelli e sul cuoio capelluto e possono aiutarti a gestire problematiche come prurito e secchezza della pelle.
  • Purtroppo sono un po’ più costosi di quelli tradizionali dato che hanno una formula più elaborata: infatti esistono shampoo senza solfati per qualsiasi esigenza e tipo di capello.
  • Ci sono alcuni fattori importanti di cui devi tenere conto quando decidi di acquistare questo tipo di prodotto: dimensioni della confezione, presenza di eventuali elementi nocivi e soprattutto esigenze specifiche del capello.

Classifica dei migliori shampoo senza solfati sul mercato

Il mercato degli shampoo senza solfati è in piena espansione e la scelta è davvero ampia, quindi è perfettamente normale avere qualche difficoltà a navigare questo mare di prodotti e informazioni. Per questo motivo abbia selezionato e recensito alcuni prodotti che, secondo noi, presentano un compromesso qualità/prezzo ottimale.

Posto nº 1: Kerastase Discipline – Bain Fluidealiste

Questo shampoo senza solfati Kerastase ha 3 ingredienti principali: polimero cationico, polimeri “surphace-morphing” e ceramide. Contiene 250 ml di prodotto, consigliato alle persone con capelli crespi e indisciplinati e deterge, ammorbidisce con una gradevole schiuma, senza però appesantire la chioma.

Le recensioni lo giudicano ‘lo shampoo perfetto’. Il suo profumo è gradevole e duraturo, rende i capelli lucidi, setosi ed elimina l’effetto crespo. Secondo quanto testimoniato è una formula concentrata, quindi usandolo come si deve dura per mesi. Viene usato anche a livello professionale.

Posto nº 2: Shea Moisture

Questo shampoo con certificazione biologica a base di olio di ricino nero Giamaicano, contenente anche menta piperita e aceto di mele, non contiene solfati né parabeni. Rinforza e ripara, oltre ad idratare i capelli. Consigliato sia per capelli naturali che trattati chimicamente. Contiene 506 ml e può essere usato anche tutti i giorni.

Secondo quanto riportato dalle recensioni i capelli rimangono soffici e con un buon profumo e, benché sia adatto a tutti i tipi di chiome, è particolarmente usato da chi ha i capelli stile afro. Nonostante il prezzo non adatto a tutte le tasche, sono molti gli utilizzatori che lo ricomprano per la sua ottima qualità.

Posto nº 3: NYK1

Lo shampoo NYK1 viene venduto in confezione da 500 ml e non contiene sali, parabeni né solfati. È consigliato soprattutto per capelli trattati e tendenti al crespo, ma essendo delicato e con olio di cocco è adatto a chiunque abbia i capelli delicati. Ha un effetto balsamo che però non appesantisce i capelli come accade di solito con questo tipo di prodotti.

Anche questo shampoo viene consigliato dai professionisti che fanno trattamenti alla cheratina e decolorazioni, perché non lascia i capelli secchi e stopposi. Secondo le testimonianze la chioma risulta morbida e profumata al cocco oltre a facilmente pettinabile. Altamente consigliato da tutte le recensioni.

Posto nº 4: Elvive L’Oréal Paris – Olio Straordinario

Questo shampoo senza schiuma contiene 400 ml di prodotto senza solfati, consigliato particolarmente per capelli secchi e fragili. Il produttore consiglia di usarlo sui capelli bagnati, lasciandolo agire per 3 minuti circa e poi sciacquandolo abbondantemente e senza bisogno di usare un balsamo.

Le opinioni lo definiscono uno shampo dall’ottimo rapporto qualità prezzo, capace di lasciare i capelli morbidi anche con poca quantità (anzi, viene consigliato di non esagerare). Qualcuno però si lamenta dell’effetto che secca troppo la chioma.

Posto nº 5: L’Oréal Paris – Botanicals Fresh Care

Questo shampoo dell’Oréal Paris ha una formula vegan che non usa solfati, siliconi, parabeni né coloranti. I principi attivi sono l’olio di camelina, di soia e di cocco per donare una cute e dei capelli morbidi e ben idratati. Studiato per lenire la cute irritata, ha una quantità di prodotto pari a 400 ml.

Tra le recensioni si leggono molti commenti che lo definiscono ‘favoloso’ e ‘perfetto’. I capelli risultano effettivamente morbidi e facilmente pettinabili, ma soprattutto chi ha irritazione alla cute ne ha tratto giovamento. Tra i prodotti del cofanetto (può essere infatti acquistato singolarmente o con insieme al balsamo e al trattamento pre-shampoo), è quello con le migliori recensioni.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sugli shampoo senza solfati

In seguito al boom dei cosiddetti prodotti di bellezza bio siamo stati sommersi da una marea di informazione contrastanti e non sempre facili da verificare. Per questo proveremo a rispondere alle domande più comuni sugli shampoo senza solfati.

shampoo-senza-solfati-prima-xcyp1

Gli shampoo senza solfati sono perfetti per chi deve lavarsi i capelli tutti i giorni. (Fonte: Ponzi: 40657969/ 123rf.com)

Cosa sono i solfati?

Perché solfati sono presenti nella maggior parte degli shampoo? Sostanzialmente perché sono tensioattivi, sono cioè in grado di attrarre sia acqua che olio. È grazie a loro si ottiene la tipica schiuma che rimuove lo sporco e se sono così diffusi è proprio perché sono efficaci ed economici.

Il problema è che non sempre il cuoio capelluto reagisce agli agenti chimici nel modo migliore. Secondo la dottoressa Gloria Garnacho, dermatologa e responsabile del reparto di salute capillare della clinica Ruber di Madrid, infatti “i solfati sono tra i tensioattivi più efficaci, ma anche tra i più aggressivi”, specialmente nel caso di bambini e di persone con la pelle delicata.

shampoo-senza-prodotto-prima-xcyp1

È importante scegliere lo shampoo giusti per il tuo tipo di capello.
(Fonte: Kolpakova: 11963030/ 123rf.com)

Come faccio a sapere se il mio shampoo contiene solfati?

Per scoprire se il tuo shampoo contiene solfati ti basta controllare l’INCI e cercare la parola “sulfate”: eccoli! In realtà esiste un intero gruppi di composti chimici solfati, ognuno con un nome differente, il che potrebbe complicare un po’ le cose.

Prenditi un momento per leggere l’INCI del prodotto che vorresti comprare, è importante! Sappiamo che non è sempre facile trovare il tempo e la voglia di farlo, ma fare questo piccolo sforzo può aiutarti a salvare i tuoi capelli da sostanza chimiche inutili e dannose. Se hai scelto di fare a meno dei solfati, questi sono gli ingredienti che devi evitare:

  • Sodium Lauryl Sulfate (sls)
  • Ammonium Laureth Sulfate (asl)
  • Sodium Alkyl Sulfate (sas)
  • Sodium Laureth Sulfate (sles)
  • Sodium Lauryl Sulfoacetate
  • Sodium Lauroyl Isoethionate
  • Sodium Lauroyl Taurate
  • Sodium Cocoyl Isoethionate
  • Sodium Lauroyl Methyl Isoethionate
  • Sodium Lauroyl Sarcosinate
  • Disodium Laureth Sulfosuccinate

Perchè provare uno shampoo senza solfati?

Perché, come detto sopra, un uso eccessivo di solfati potrebbe creare fastidi a chi ha un cuoio capelluto delicato o una pelle sensibile e problematica (magari soggetta a dermatiti). Senza contare che col tempo anche capelli di tipo normale potrebbero perdere tono e lucentezza.

Infatti, nonostante tantissime persone usino prodotti con solfati senza risentirne, c’è anche una percentuale significativa di chi si trova a soffrire di secchezza o prurito improvvisi. Rinunciare ai solfati può essere un ottimo modo per migliorare l’equilibrio del cuoio capelluto, riequilibrare la produzione di oli e grassi e ridurre eventuali fastidi.

shampoo-senza-solfati-seconda-xcyp1

Gli shampoo senza solfati hanno il vantaggio di poter essere usati quotidianamente. (Fonte: Kachmar: 70097121/ 123rf.com)

Per quale tipo di capello sono più adatti gli shampoo senza solfati?

Attualmente è possibile trovare shampoo senza solfati diversissimi tra loro e adatti ad ogni tipo di esigenza e di capello: idratanti, per capelli ricci, fragili, colorati o grassi. Sono particolarmente indicati per chi è reduce da trattamenti aggressivi o permanenti, dato che non attaccano il colore e non irritano la cute.

Sono perfetti anche per chi lava i capelli ogni giorno – perché li ha grassi o perché fa sport – dato che agiscono con delicatezza sul cuoio capelluto. Ottimi inoltre in caso di capelli secchi: non eliminano gli oli naturali dei capelli, preservandone quindi idratazione e flessibilità.

Quali sono i pro e i contro degli shampoo senza solfati?

Questo tipo di shampoo può essere usato quotidianamente anche da bambini e da soggetti che hanno cuoio capelluto particolarmente sensibile ma, nonostante la loro versatilità, presentano dei pro e dei contro come qualsiasi altro prodotto.

Vantaggi
  • Sono delicati sulla pelle
  • Incrementano l’azione della cheratina
  • I capelli sono più luminosi e forti
  • Riducono l’effetto crespo
  • Riducono il rischio di forfora
  • Possono essere usati quotidianamente
  • Non danno allergia
Svantaggi
  • Potrebbero non pulire a fondo i capelli più grassi
  • Fanno poca schiuma
  • Non sono in grado di eliminare i siliconi
  • Sono più costosi

Perché gli shampoo “naturali” lasciano i capelli secchi?

È possibile che, dopo aver iniziato a lavare i capelli con uno shampoo naturale, tu li senta più secchi. Perché è successo, non erano prodotti delicati? In realtà gli shampoo tradizionali inibiscono la produzione naturale e controllata del sebo al punto da creare uno squilibrio. Danno una sensazione di pulizia immediata che però non dura più di uno o due giorni.

Poiché questi prodotti non naturali provocano alterazioni del cuoio capelluto a cui tentano di rimediare con altri ingredienti chimici nocivi – un po’ come il cane che si morde la coda – quando smettiamo di usarli il nostro capello può sembrare più secco e spento. Ma è solo un effetto temporaneo che tende a sparire dopo un paio di settimane al massimo.

shampoo-senza-solfati-prodotto-xcyp1

Gli shampoo senza solfati sono eco-friendly.
(Fonte: Goodluz: 15290641/ 123rf.com)

È quello che si dice detossificazione, un concetto che approfondiremo più avanti. In ogni caso se in questa fase senti il bisogno di un po’ di idratazione extra, puoi aiutarti con maschere naturali a base di tuorli, olio d’oliva, succo di limone, olio di ricino e qualche goccia di olio essenziale di rosmarino.

Cos’è la detossificazione e quanto dura?

La detossificazione è il processo attraverso cui il capelli si liberano degli elementi chimici nocivi come i solfati, alla fine del quale viene ristabilito il normale equilibrio sebaceo che garantisce una chioma sana, soffice e luminosa. Il timore della detossificazione è proprio il motivo per cui molte persone continuano a usare prodotti tradizionali.

La detossificazione dei capelli non è immediata, solitamente ci vogliono alcuni giorni o settimane prima che i capelli inizino a smaltire le sostanze nocive accumulate nel tempo.
Dovrai avere un po’ di pazienza: alla fine di questo processo i tuoi capelli avranno un aspetto migliore e i tuoi sforzi saranno ricompensati!

Quali altri ingredienti, oltre ai solfati, possono avere effetti negativi su capelli e cuoio capelluto?

Come già menzionato in precedenza, i solfati sono solo alcuni tra gli ingredienti potenzialmente nocivi contenuti negli shampoo. Tendenzialmente gli shampoo senza solfati sono privi di questi ingredienti, ma non è sempre così. È meglio conoscere bene queste sostanze per sapere come evitarle.

Ingrediente Caratteristiche
Siliconi I siliconi, e il dimeticone in particolare, sono comunemente utilizzati negli shampoo ― specialmente in quelli cosiddetti idratanti ― nei balsami e nelle maschere. I capelli risultano molto soffici subito dopo l’uso,anche se lo strato poroso viene sigillato e isolato da nutrienti e oli benefici.
Parabeni Uno studio dell’Università di Reading del 2014 collega i parabeni a possibili squilibri ormonali e allo sviluppo del tumore al seno. Metilparabeno e propilparabeno sono i più comuni.
Lanolina La lanolina è un tipo de cera dalle proprietà idrofughe, per via delle quali viene usata principalmente per la cura dei capelli secchi. Purtroppo contiene anche sostanze alcoliche potenzialmente allergiche.
Cloruro di sodio Gli shampoo contengono sale ― lo stesso che si usa in cucina ― per donare consistenza al prodotto. Il sale non è nocivo ma è fortemente disidratante e può provocare secchezza sia a livello di capelli che di cuoio capelluto.
Coloranti sintetici Presenti soprattutto nei prodotti pensati per i capelli tinti, spesso provocano bruciori e fastidi al cuoio capelluto.

Uno shampoo senza solfati e uno senza sale sono la stessa cosa?

L’improvvisa ascesa degli shampoo senza solfati ha creato un po’ di confusione e spesso vengono confusi con i prodotti senza sali. La grande disinformazione sul tema si deve anche alle migliaia di informazioni contrastanti presenti sul web.

Tutto questo caos comunque ha una sua ragione d’essere: in termini chimici infatti sale e solfati sono entrambi… sali. Anche se hanno formule chimiche completamente diverse, oltre a differire per funzione ed effetti.

foco

Sapevi che il primo shampoo messo in commercio si chiamava Sahempoo? Kasey Hebert è l’uomo che per primo lo ha prodotto in massa e che lo ha battezzato così.

Il sale contenuto nei prodotti per l’igiene personale serve soltanto a dare consistenza al prodotto, in pratica per farlo diventare un gel. I solfati invece puliscono a fondo capelli e cute e sciolgono il grasso in modo efficace grazie alla schiuma che producono.

Criteri di acquisto

Nel caso tu sia ancora in dubbio su cosa acquistare e come, abbiamo stilato per te una lista di criteri da seguire al momento dell’acquisto. Noi pensiamo che siano tutti importanti ma sarai tu, in base alle tue esigenze, a scegliere quale privilegiare:

  • Dimensioni della confezione
  • Dove viene prodotto
  • Esigenze e tipo di capello
  • Presenza di eventuali ingredienti nocivi
  • Composizione del prodotto

Dimensioni del prodotto

Dato che questi prodotti non sono tra i più economici, è importante considerare la quantità di prodotto e la dimensione della confezione. Fai attenzione a questo dettaglio specialmente se stai acquistando online: può capitare che le fotografie siano ingannevoli o che la confezione sembri più grande di quanto non sia.

Molti produttori cercando di venire incontro ai consumatori proponendo shampoo in formato risparmio: flaconi da un litro o da mezzo litro che ti permettono di risparmiare sul lungo periodo e che riducono lo spreco di plastica.

shampoo-senza-prodotto-xcyp1

Sempre più brand hanno iniziato a produrre shampoo senza solfati, scegli quello più adatto a te. (Fonte: Racorn: 21235159/ 123rf.com)

Dove viene prodotto

In questo articolo ti abbiamo fatto alcuni esempio di shampoo facilmente acquistabili online, alcuni dei quali di produzione europea. Abbiamo anche cercato di trovare un compromesso tra l’assenza di sostanze nocive e rispetto dell’ambiente.

Infatti non è sempre facile trovare prodotti “etici” venduti da aziende locali – trasporti molto lunghi infatti risultano essere fortemente inquinanti . Il generale il nostro consiglio è di cercare shampoo prodotti il più possibile vicino a voi.

Esigenze e tipo di capello

Quando i primi shampoo senza solfati hanno fatto la loro comparsa sul mercato le varianti disponibili erano poche, le formulazioni erano adatte solo ad alcuni tipi di capello e di conseguenza erano in molti a rinunciare ad usarli. La situazione tuttavia si è completamente ribaltata.

Tipo di capello Shampoo senza solfati più adatto
Capelli rossi naturali Shampoo alla camomilla, per valorizzare i riflessi naturali.
Capelli tinti Prodotti particolarmente delicati o con coloranti naturali che aiutino il colore a mantenersi nel tempo.
Capelli con colpi di sole Shampoo idratanti per rinforzare le zone decolorate.
Capelli fragili Prodotti rinforzanti.
Capelli ricci Shampoo idratanti con effetto anticrespo per ricci più definiti
Capelli secchi Scegli prodotti ricchi di ingredienti nutrienti come olio d’oliva, avocado o mandorle.
Capelli grassi Shampoo a effetto regolatore.
Capelli lisci e senza volume Shampoo a effetto volumizzante, meglio evitare balsami e prodotti idratanti.

Presenza di eventuali ingredienti nocivi

Ne abbiamo già parlato, ma è un elemento importante che vale la pena di approfondire. Acquistare uno shampoo senza solfati non ha molto senso, se poi contiene altri elementi dannosi come parabeni o siliconi. La buona notizia però è che di solito gli shampoo senza solfati hanno una buona formulazione.

La cosa importante è procedere con calma e leggere attentamente l’etichetta per verificare cosa l’INCI contenga o non contenga. È un processo che richiede qualche minuto in più e può rallentare il tuo giro di shopping, ma ne vale la pena: in fondo stiamo parlando prodotti che userai sulla tua pelle.

Composizione del prodotto

Siliconi, parabeni, lanolina, sali e coloranti sono solo alcuni degli ingredienti di uno shampoo: la lista di solito è piuttosto lunga. Alcuni sono indispensabili, altri meno. Sarai tu, dopo aver letto la lista degli ingredienti, a dover decidere se la formulazione di un prodotto è adatta a te.

Una delle cose a cui potresti rinunciare, ad esempio, è la schiuma – che dipende proprio dalla presenza di solfati. Anche un colore particolare e un profumo intensi sono dettagli trascurabili, dato che spesso sono il risultato di un uso eccessivo di coloranti e aromi artificiali.

Conclusioni

Gli shampoo senza solfati sono sì un trend, ma un trend meravigliosamente salutare! Come abbiamo cercato di spiegare in questi articolo, gli shampoo senza solfati sono un prodotto delicato sia con i capelli che con la cute, e ne esistono di ogni tipo e per ogni esigenza.

Speriamo di esserti stati d’aiuto a capire un po’ meglio come funziona il mondo dei solfati e della detossificazione. Sappiamo che apportare cambiamenti radicali alla propria beauty routine può essere difficile, ma ti assicuriamo che la tua pazienza verrà ricompensata da capelli belli e forti!

Hai già provato gli shampoo senza solfati? Ti sei trovata bene? Raccontaci nei commenti la tua esperienza, siamo curiosi di sapere com’è andata! Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Torwai Suebsri: 81560069/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
36 Voto(i), Media: 4,50 di 5
Loading...